URP

URP, Lo sportello dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico

Lo Sportello URP dà la possibilità al cittadino di avviare pratiche e/o procedimenti direttamente dal portale e seguirne l’evoluzione.

Il primo passaggio è la registrazione del cittadino sul sito; la registrazione, valida anche per le eventuali pratiche future, avviene in modo automatico riempiendo una maschera di richiesta dati.

Al termine della registrazione vengono trasmesse all’utente tramite MAIL le credenziali di accesso al sistema. In conformità alle normative riguardanti la privacy, la password di accesso deve essere ridefinita dall’utente al primo accesso al sistema; è disponibile un sottosistema per il blocco dell’accesso dopo un certo numero di tentativi falliti consecutivi e un sistema per il recupero della password.

L’avvio di un procedimento prevede l’invio al sito di un determinato numero di documenti, così come configurato in back office (documento “Domanda”, documento “Allegato”, ecc.); la procedura controlla che l’utente abbia inviato tutti i documenti richiesti e li inoltra tramite PEC.

Se previsto dall’Ente dalla videata è possibile scaricare i modelli per l’avvio del procedimento.

I procedimenti attivabili sono definiti tramite back office direttamente dall’Ente il quale può configurarne l’Iter e il processo di approvazione/diniego.

Per ogni tipologia di procedimento è possibile definire il responsabile, la casella di posta PEC di riferimento, quali sono gli uffici a cui mandare la pratica avviata e se i documenti della pratica debbano essere firmati digitalmente, o meno.

Lo Sportello URP è perfettamente integrabile con Bussola, il sito web per la Pubblica Amministrazione, per creare una vera e propria piattaforma tecnologica, innovativa e in costante evoluzione, in grado di proiettare la P.A. in un’ottica 2.0 salvaguardando, e ottimizzando, il proprio investimento tecnologico nel tempo.


Riferimenti normativi
  • DECRETO-LEGGE 9 febbraio 2012, n. 5. Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo

    Art. 47-quinquies (Organizzazione e finalità dei servizi in rete)

    1. Dopo il comma 3 dell'articolo 63 del codice dell'amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n.82, sono aggiunti i seguenti:

    3-bis. A partire dal 1° gennaio 2014, allo scopo di incentivare e favorire il processo di informatizzazione e di potenziare ed estendere i servizi telematici, i soggetti di cui all'articolo 2, comma 2, utilizzano esclusivamente i canali e i servizi telematici, ivi inclusa la posta elettronica certificata, per l'utilizzo dei propri servizi, anche a mezzo di intermediari abilitati, per la presentazione da parte degli interessati di denunce, istanze e atti e garanzie fideiussorie, per l'esecuzione di versamenti fiscali, contributivi, previdenziali, assistenziali e assicurativi, nonché per la richiesta di attestazioni e certificazioni.

    3-ter. A partire dal 1° gennaio 2014 i soggetti indicati al comma 3-bis utilizzano esclusivamente servizi telematici o la posta elettronica certificata anche per gli atti, le comunicazioni o i servizi dagli stessi resi.

    3-quater. I soggetti indicati al comma 3-bis, almeno sessanta giorni prima della data della loro entrata in vigore, pubblicano nel sito web istituzionale l'elenco dei provvedimenti adottati ai sensi dei commi 3-bis e 3-ter, nonché termini e modalità di utilizzo dei servizi e dei canali telematici e della posta elettronica certificata.

    3-quinquies. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, sentita la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n.281, e successive modificazioni, da emanare entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, sono stabilite le deroghe e le eventuali limitazioni al principio di esclusività indicato dal comma

  • DECRETO LEGISLATIVO 7 marzo 2005, n. 82. Codice dell'amministrazione digitale

    Art. 63. Organizzazione e finalità dei servizi in rete

    1. Le pubbliche amministrazioni centrali individuano le modalità di erogazione dei servizi in rete in base a criteri di valutazione di efficacia, economicità e utilità e nel rispetto dei principi di eguaglianza e non discriminazione, tenendo comunque presenti le dimensioni dell'utenza, la frequenza dell'uso e l'eventuale destinazione all'utilizzazione da parte di categorie in situazioni di disagio.

    2. Le pubbliche amministrazioni centrali progettano e realizzano i servizi in rete mirando alla migliore soddisfazione delle esigenze degli utenti, in particolare garantendo la completezza del procedimento, la certificazione dell'esito e l'accertamento del grado di soddisfazione dell'utente.

    3. Le pubbliche amministrazioni collaborano per integrare i procedimenti di rispettiva competenza al fine di agevolare gli adempimenti di cittadini e imprese e rendere più efficienti i procedimenti che interessano più amministrazioni, attraverso idonei sistemi di cooperazione

    Art. 64 Modalità di accesso ai servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni

    1. La carta d'identità elettronica, e la carta nazionale dei servizi, costituiscono strumenti per l'accesso ai servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni per i quali sia necessaria l'autenticazione informatica.

    2. Le pubbliche amministrazioni possono consentire l'accesso ai servizi in rete da esse erogati che richiedono l'autenticazione informatica anche con strumenti diversi dalla carta d'identità elettronica e dalla carta nazionale dei servizi, purché tali strumenti consentano di accertare l'identità del soggetto che richiede l'accesso. L'accesso con carta d'identità elettronica e carta nazionale dei servizi è comunque consentito indipendentemente dalle modalità di accesso predisposte dalle singole amministrazioni.

    3. Ferma restando la disciplina riguardante le trasmissioni telematiche gestite dal Ministero dell'Economia e delle Finanze e dalle Agenzie fiscali, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri o del Ministro delegato per l'innovazione e le tecnologie, di concerto con il Ministro per la funzione pubblica e d'intesa con la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, è fissata la data, comunque non successiva al 31 dicembre 2007, a decorrere dalla quale non è più consentito l'accesso ai servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni, con strumenti diversi dalla carta d'identità elettronica e dalla carta nazionale dei servizi.

    Art. 65 Istanze e dichiarazioni presentate alle pubbliche amministrazioni per via telematica

    1. Le istanze e le dichiarazioni presentate alle pubbliche amministrazioni per via telematica ai sensi dell'articolo 38, commi 1 e 3, del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, sono valide:
    a) se sottoscritte mediante la firma digitale, il cui certificato è rilasciato da un certificatore accreditato;
    b) ovvero, quando l'autore è identificato dal sistema informatico con l'uso della carta d'identità elettronica o della carta nazionale dei servizi, nei limiti di quanto stabilito da ciascuna amministrazione ai sensi della normativa vigente;
    c) ovvero quando l'autore è identificato dal sistema informatico con i diversi strumenti di cui all'articolo 64, comma 2, nei limiti di quanto stabilito da ciascuna amministrazione ai sensi della normativa vigente e fermo restando il disposto dell'articolo 64, comma 3.

    2. Le istanze e le dichiarazioni inviate secondo le modalità previste dal comma 1 sono equivalenti alle istanze e alle dichiarazioni sottoscritte con firma autografa apposta in presenza del dipendente addetto al procedimento.

    3. Dalla data di cui all'articolo 64, comma 3, non è più consentito l'invio di istanze e dichiarazioni con le modalità di cui al comma 1, lettera c).

    4. Il comma 2 dell'articolo 38 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, è sostituito dal seguente: "2. Le istanze e le dichiarazioni inviate per via telematica sono valide se effettuate secondo quanto previsto dall'articolo 65 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82".

F.A.Q.

  • Come inserisco il servizio nel sito istituzionale?

    Viene comunicato un indirizzo Internet che dovrà essere inserito nel sito istituzionale. Attraverso il link inserito il cittadino raggiungerà il portale in cui è possibile effettuare l’autenticazione (registrazione) e attivare nome utente e password per accedere al servizio on line.

  • L'istanza presentata che valore ha?

    Le istanze e le dichiarazioni inviate sono equivalenti alle istanze e alle dichiarazioni sottoscritte con firma autografa apposta in presenza del dipendente addetto al procedimento (vedi Articolo 65 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82).

  • Che tipologia di pratiche può gestire lo Sportello URP?

    Attraverso il Back Office dedicato (indirizzo Internet) l’Ente individua tutti i procedimenti che vuole attivare on line. Il cittadino dopo aver effettuato la registrazione può accedere ai servizi on line, inserendo nome utente e password, presentando qualsiasi istanza verso la PA e visionare lo stato di avanzamento della sua pratica e l’eventuale atto finale. Il sistema comunica qualsiasi variazione dell'istanza (inserimento, modifica, conclusione, atto finale) tramite mail direttamente al cittadino e all’Ufficio competente in materia.

  • Chi riceve le istanze e come vengono gestite?

    Attraverso un back office dedicato l’Ente potrà accedere alla gestione delle istanze presentate. A ogni procedimento è associato un ufficio che dovrà gestire l’iter ed eventualmente rilasciare il documento finale e/o una comunicazione al cittadino che ha presentato l’istanza.

  • Formazione e assistenza?

    Il personale indicato verrà istruito telefonicamente sulle operazioni di visualizzazione/esclusione delle schede e/o modelli e sulle personalizzazione e/o inserimento di nuove informazioni.

    Per tutta la durata del contratto è attivo un servizio di assistenza telefonica.

  • Grafiche E. Gaspari Srl
  • Via M. Minghetti 18
  • 40057 Cadriano
  • di Granarolo Emilia (Bologna)
  • Certificazione ISO
  • Certificazione
    UNI EN ISO 9001
    per i servizi di stampa e postalizzazione

© Copyright 2017 Gaspari S.r.l.