Tra le misure di interesse, segnaliamo la maggiorazione della deduzione per l'IMU beni strumentali ed altri contributi ai comuni per interventi di efficientamento energetico e sicurezza

In allegato, è disponibile lo schema di decreto-legge Crescita (bozza) che verrà licenziato (con eventuali modifiche e aggiunte) in CdM la prossima settiman. Riepiloghiamo le misure di interesse per gli enti locali, rimandando per una lettura approfondita allo schema.

  • IMU beni strumentali (art.1-ter): si punta a portare la deduzione prevista per l’Imu sui beni strumentali dal 40 al 60%;
  • semplificazione del metodo di calcolo delle nuove assunzioni negli enti locali (art.16);
  • contributi ai comuni per interventi di efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile (art.19): Il MISE procede all’assegnazione automatica, in favore delle amministrazioni comunali, di contributi, nel limite massimo di 600 milioni di euro per l’anno 2019, per la realizzazione di progetti relativi a investimenti nel campo dell’efficientamento energetico e dello sviluppo territoriale sostenibile. Tali contributi sono destinati a misure di: a) efficientamento energetico, ivi compresi interventi volti all’efficientamento dell’illuminazione pubblica, al risparmio energetico negli edifici di proprietà pubblica o destinati all’uso pubblico, nonché all’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili; b) sviluppo territoriale sostenibile, ivi compresi interventi per l’adeguamento e la messa in sicurezza di scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale, per l’abbattimento delle barriere architettoniche, nonché progetti in materia di mobilità sostenibile;
  • dismissioni immobiliari enti territoriali (art.29): estensione del piano di dismissioni immobiliari agli immobili ad uso diverso da quello abitativo di proprietà degli enti territoriali e di altre pubbliche amministrazioni, su proposta di questi;
  • semplificazioni in materia di edilizia privata (art.30): procedura accelerata per le autorizzazioni della Soprintendenza su lavori di restauro di beni di proprietà privata oggetto di vincoli (Autorizzazioni della Soprintendenza per interventi su beni culturali). Rimedi alla giurisprudenza “taglia-palazzi”; adeguamento del vincolo storico su palazzi con più di 50 anni.


  • Grafiche E. Gaspari Srl
  • Via M. Minghetti 18
  • 40057 Cadriano
  • di Granarolo Emilia (Bologna)
  • Certificazione ISO
  • Certificazione
    UNI EN ISO 9001
    per i servizi di stampa e postalizzazione

© Copyright 2019 Gaspari S.r.l.