Il contributo per il 2019 coinvolgerà 100 enti locali sotto i 50 mila abitanti, selezionati anche considerando le presenze turistiche del 2017. Ad ogni comune 42 mila euro

Il Ministero dell'Interno, con una nota del 28 febbraio 2019, ha reso noto che sono in arrivo 4,2 milioni per Spiagge Sicure, l'iniziativa che finanzia alcuni comuni costieri per combattere abusivismo commerciale e attività illecite durante il periodo di massima affluenza turistica.

Il contributo per il 2019 coinvolgerà 100 enti locali sotto i 50 mila abitanti, selezionati anche considerando le presenze turistiche del 2017. Come lo scorso anno, il contributo potrà essere destinato per l'assunzione di personale della Polizia Locale a tempo determinato, per coprire gli straordinari, per l'acquisto di mezzi e attrezzature e per la promozione di campagne informative.

Il riferimento che regolamenta Spiagge Sicure 2019 è la circolare ministeriale del 27 febbraio, oltre a tutti gli allegati disponibili al seguente link. Nella circolare si dispone che gli stanziamenti sono destinati ai primi 100 comuni costieri a vocazione turistica, non capoluogo di provincia, che soddisfano le seguenti condizioni:

  1. ubicazione del centro urbano o di una o più frazioni sulla costa;
  2. popolazione non superiore a 50 mila abitanti alla data del 31 dicembre 2018;
  3. non aver usufruito di contributi per iniziative analoghe promosse dal Ministero dell'Interno o per altre iniziative previste dal decreto interministeriale del 18 ottobre 2018

A tal fine, si accludono l’elenco di tutti i comuni litoranei, ordinato in base alle predette presenze (all. 1), e l’elenco dei cento comuni che riuniscono anche le caratteristiche di cui alle lettere b, c e d per accedere ai predetti contributi (all. 2). Gli enti ricompresi in quest’ultimo elenco che intendono accedere alfinanziamento devono presentare apposita domanda alla Prefettura territorialmente competente entro il prossimo 15 aprile.

Il contributo ammonta, per ciascun comune, a 42 mila euro. La domanda, redatta utilizzando l’accluso modello (all.3), deve essere corredata da una scheda progettuale riferita al periodo 15 giugno –15 settembre, ove sono illustratele misure che si intendono adottare e specificati, nel dettaglio, i mezzi e il personale da impiegare, le aree del territorio interessate nonché i relativi costi.


  • Grafiche E. Gaspari Srl
  • Via M. Minghetti 18
  • 40057 Cadriano
  • di Granarolo Emilia (Bologna)
  • Certificazione ISO
  • Certificazione
    UNI EN ISO 9001
    per i servizi di stampa e postalizzazione

© Copyright 2019 Gaspari S.r.l.