In virtù di quanto stabilito dal Tribunale di Milano, l'Inps comunica che il premio alla nascita di 800 euro sarà esteso anche a tutte le madri straniere presenti in Italia con qualsiasi permesso di soggiorno

In una nota del 15 dicembre, l'Inps ha fornito importanti chiarimenti sul premio alla nascita (cd. Bonus mamma) in merito alla recente ordinanza n. 6019/2017 dello scorso 12 dicembre del Tribunale di Milano, con la quale è stato accolto il ricorso di APN, ASGI e Fondazione Giulio Piccini avverso le circolari Inps in materia di "Premio alla nascita"per avere limitato l'accesso al beneficio "premio alla nascita" ad alcune categorie di donne straniere e precisamente alle sole donne titolari della carta di soggiorno o carta di soggiorno permanente di cui agli artt. 10 e 17 del d.lgs. 30/2007.

Di conseguenza, il Tribunale ordinato all'Inps di estendere il beneficio del premio alla nascita a tutte le future madriregolarmente presenti in Italia che ne facciano domanda e che si trovino nelle condizioni previste dall'art.1, comma 353, della legge 232/2016.

L'Inps, infine, precisa che:

  • le circolari in materia di accesso al Bonus mamma di 800 euro, dove si specificava la necessità di essere in possesso dei requisiti presi in considerazione per l'assegno di natalità di cui alla legge 190/2014 e quindi l'esclusione dell'accesso alle straniere senza Carta di soggiorno, sono state redatte seguendo le indicazioni scritte della Presidenza del Consiglio dei Ministri;
  • in ottemperanza all'ordinanza sopra citata, sono già stati interessati i Ministeri vigilanti e la Presidenza del Consiglio dei Ministri e si stanno predisponendo i necessari interventi sulle procedure telematiche.


In allegato, la nota Inps del 15 dicembre.


  • Grafiche E. Gaspari Srl
  • Via M. Minghetti 18
  • 40057 Cadriano
  • di Granarolo Emilia (Bologna)
  • Certificazione ISO
  • Certificazione
    UNI EN ISO 9001
    per i servizi di stampa e postalizzazione

© Copyright 2018 Gaspari S.r.l.