Con Risoluzione 26 giugno 2015, n. 6, il MEF ha fornito chiarimenti in merito alla spettanza delle agevolazioni IMU, TASI e TARI per gli immobili posseduti dai cittadini residenti all'estero, alla luce delle novità introdotte dall'art. 9-bis, D.L. n. 47/2014.
i cheated on my click is my husband cheat

Come si evince dalla risoluzione 6/DF del Mef, per fruire delle agevolazioni su IMU, TASI e TARI, il contribuente deve:
1. possedere a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, una sola unità immobiliare che non risulti locata o data in comodato d'uso;
2. essere iscritto all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE);
3. risultare già pensionato nel rispettivo Paese di residenza.
La Risoluzione in oggetto, precisa però che il regime di favore di cui al sopracitato punto 3, riguarda riguarda solo l'ipotesi di:

  • pensioni in convenzione internazionale, nelle quali la contribuzione versata in Italia si totalizza con quella versata in un Paese estero;
  • pensioni italiane; 
  • pensioni autonome italiane e pensioni estere,
chiarendo ulteriormente  che il beneficio si applica "se il Paese estero che eroga la pensione, in convenzione internazionale o autonoma, è anche il Paese di residenza del soggetto".
 
 


  • Grafiche E. Gaspari Srl
  • Via M. Minghetti 18
  • 40057 Cadriano
  • di Granarolo Emilia (Bologna)
  • Certificazione ISO
  • Certificazione
    UNI EN ISO 9001
    per i servizi di stampa e postalizzazione

© Copyright 2019 Gaspari S.r.l.