L'amministrazione comunale dovrà valutare quale modalità di affidamento è in maggior misura rispondente alle ragioni di fatto e di convenienza che giustificano una scelta piuttosto che l'altra. Sfugge al sindacato di legittimità del giudice amministrativo una scelta di tale ampiezza discrezionale, a meno che non sia manifestatatamente illogica, irragionevole, irrazionale e arbitraria oppure che sia fondata su un macroscopico travisamento dei fatti.
my husband and i both cheated thebaileynews.com why did i cheat on my husband
my girlfriend wants me to cheat on her site i want to cheat on my girlfriend
i love my boyfriend but i cheat parentpower.com i cheated on my boyfriend but i love him

I servizi pubblici locali di rilevanza economica possono essere gestiti indifferentemente mediante il mercato (ossia individuando all'esito di una gara ad evidenza pubblica il soggetto affidatario) ovvero attraverso il cosiddetto partenariato pubblico – privato (ossia per mezzo di una società mista e quindi con una "gara a doppio oggetto" per la scelta del socio o poi per la gestione del servizio), ovvero attraverso l'affidamento diretto, in house, senza previa gara, ad un soggetto che solo formalmente è diverso dall'ente, ma ne che sostituisce sostanzialmente un diretto strumento operativo, ricorrendo in capo a quest'ultimo i requisiti della totale partecipazione pubblica, del controllo (sulla società affidataria) "analogo" (a quello che l'ente affidante esercita sui propri servizi) e della realizzazione, da parte della società affidataria, della parte più importante della sua attività con l'ente o gli enti che la controllano.

Il Consiglio di Stato nella sentenza 10 settembre 2014 n. 4599, analizza le tre modalità di affidamento dei servizi pubblici locali, soffermandosi in particolare sui limiti della sindicabilità in giudizio della scelta di un affidamento in house. Per i giudici, «l'affidamento diretto, in house - lungi dal configurarsi pertanto come un'ipotesi eccezionale e residuale di gestione dei servizi pubblici locale - costituisce invece una delle (tre) normali forme organizzative delle stesse, con la conseguenza che la decisione di un ente in ordine alla concreta gestione dei servizi pubblici locali, ivi compresa quella di avvalersi dell'affidamento diretto, in house (sempre che ne ricorrano tutti i requisiti così come sopra ricordati e delineatisi per effetto della normativa comunitaria e della relativa giurisprudenza), costituisce frutto di una scelta ampiamente discrezionale, che deve essere adeguatamente motivata circa le ragioni di fatto e di convenienza che la giustificano e che, come tale, sfugge al sindacato di legittimità del giudice amministrativo, salvo che non sia manifestamente inficiata da illogicità, irragionevolezza, irrazionalità ed arbitrarietà ovvero non sia fondata su di un altrettanto macroscopico travisamento dei fatti».


  • Grafiche E. Gaspari Srl
  • Via M. Minghetti 18
  • 40057 Cadriano
  • di Granarolo Emilia (Bologna)
  • Certificazione ISO
  • Certificazione
    UNI EN ISO 9001
    per i servizi di stampa e postalizzazione

© Copyright 2019 Gaspari S.r.l.